Il successo a lungo termine del trattamento di HIV: domande ancora aperte

  • Tipologia FAD
  • Data 14/07/2022
  • Luogo VIRTUAL
  • Programma Visualizza
Immagine evento

Razionale

Il Sistema di sorveglianza delle nuove diagnosi di infezione da HIV e il Registro Nazionale AIDS costituiscono due basi di dati dinamiche, permanentemente aggiornate dall’afflusso continuo delle segnalazioni inviate dalle Regioni e dai centri segnalatori al Centro Operativo Aids (COA) dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS). 
Il COA pubblica annualmente un fascicolo del Notiziario dell’Istituto Superiore di Sanità dedicato all’aggiornamento di questi due flussi di sorveglianza. 
Nel 2017 sono state segnalate 3.443 nuove diagnosi di infezione da HIV pari a 5,7 nuovi casi per 100.000 residenti. 

L’incidenza italiana è simile all’incidenza media osservata tra le nazioni dell’Unione Europea (5,8 nuovi casi per 100.000). 
L’incidenza (casi/popolazione) delle nuove diagnosi di HIV mostra una leggera diminuzione tra il 2012 e il 2015, con un andamento pressoché stabile dopo il 2015. Nel 2017 l’incidenza maggiore di infezione da HIV è stata nella fascia di età 25-29 anni. 
La modalità di trasmissione principale tra le nuove diagnosi HIV è attraverso rapporti sessuali. 
Tra i maschi, la maggior parte delle nuove diagnosi HIV è tra omosessuali. 

Tuttavia, i cambiamenti della storia naturale dell’infezione da HIV sono stati in larga parte generati dall’impatto delle terapie antiretrovirali. 
La differenza è che, in larga parte, oggi è possibile trattare più precocemente di prima, e questo modifica tutta l’espressività clinica della malattia.

Oggi tuttavia ci sono ancora delle questioni fortemente dibattute.
La condizione definita “Late presenter” è un problema da risolvere. Oggi spesso si vedono pazienti cosiddetti Late Presenters cioè con un quadro clinico e immunologico avanzato, con bassi CD4 e a volte con condizioni cliniche AIDS definenti. 
Nei pazienti in trattamento, che costituiscono la grande proporzione dei pazienti viventi con HIV, la storia naturale delle manifestazioni cliniche è profondamente mutata.
Ora se il paziente non ha una diagnosi tardiva e inizia la terapia correttamente, il deficit immunitario che si era stabilizzato fino al momento della diagnosi viene corretto e il paziente non deve subire la maggior parte delle gravi manifestazioni legate all’immunodeficienza. 

La questione dei late presenters comunque è diffusa in tutti i Paesi europei e l’Italia non fa eccezione. 

Oggi il 40-50% dei soggetti si presenta alla diagnosi in condizione di infezione più tardiva, cioè con un livello di CD4 inferiore ai 350. 
Questo avviene essenzialmente perchè non c’è consapevolezza dello stato d’infezione per problemi che concernono il grado di percezione del rischio da parte della popolazione generale.

Un altro problema è rappresentato dai pazienti con infezione da HIV e bassa viremia persistente, oppure quello dei pazienti HIV con persistenti bassi livelli di CD4 nonostante terapia antiretrovirale. 
Le resistenze al virus poi possono ancora oggi condizionare gravemente il decorso della malattia nei pazienti con infezione da HIV. 

Invece per quanto riguarda le strategie di trattamento è aperto il dibattito sui benefici a lungo termine delle triplici terapie a base di INSTI e TAF rispetto alle terapie antiretrovirali duplici. 
Poi ancora gli aspetti che riguardano la safety a lungo termine generano forte interesse tra i clinici: in particolare il fenomeno dell’incremento di peso e quello degli effetti neuropsichiatrici e neurocognitivi nei pazienti HIV. 
La ricerca dei nuovi markers, la qualità di vita e i PROs sono aspetti interessanti oggi sempre più discussi. 

Infine, il ruolo delle associazioni di pazienti viene sempre più chiamato in causa nel definire endpoints degli studi clinici e programmi di prevenzione e di gestione dell’HIV. Le problematiche aperte sono molte. 

Il Gruppo Infettivologico Lombardo (GIL) con questo evento educativo formativo si propone di affrontare molte delle tematiche aperte oggi in HIV. 
Questo approfondimento propone una più profonda analisi delle burning questions nella gestione del paziente con infezione da HIV. 
I progressi della terapia antiretrovirale osservati a partire dal 1996 sono sotto gli occhi di ognuno di noi. 

Tuttavia, la partita contro l’HIV/AIDS non è ancora finita. 
Questo corso si propone di dare rapide risposte ad una serie di questioni aperte in HIV, alla luce di quanto sta emergendo in letteratura.

Obiettivo Formativo

Linee guida - protocolli - procedure

Responsabile Scientifico

Dottor Giuliano Rizzardini
Direttore reparto Malattie Infettive 1
ASST Fatebenefratelli - Ospedale Sacco di Milano
Milano

Faculty

ANDREONI MASSIMO
Roma

ANTINORI ANDREA
Roma

BINI TERESA
Milano

BONFANTI PAOLO
Monza

BONORA STEFANO
Torino

CINQUE PAOLA
Milano

MARCHETTI GIULIA
Milano

PERNO CARLO FEDERICO
Roma

RIZZARDINI GIULIANO
Milano

Requisiti di Sistema

Per la fruizione e l'accesso al corso ECM saranno necessari computer (Windows o Mac) oppure smartphone/tablet (iOS/Android),

Browser di navigazione:

  • Google Chrome (consigliato)
  • Microsoft Edge (nuova versione basata su Chromium) (consigliato)
  • Firefox
  • Opera
  • Safari
  • Browser mobile: Apple Safari (iOS), Google Chrome (Android)

I seguenti browser non sono supportati:

  • Microsoft Internet Explorer
  • Microsoft Edge (versione precedente non basata su Chromium)

Attività obbligatorie

È necessario seguire il 90% dell'attività formativa.
Al termine del Congresso, verranno resi disponibili i questionari di valutazione e di gradimento.
Il discente avrà 72 ore di tempo per compilare i questionari entrambi indispensabili per l'ottenimento dei crediti ECM.
Questionario di valutazione (obbligatoriamente a risposta multipla e doppia randomizzazione).

La normativa ministeriale in vigore dal 23/06/2014 prevede che:

  • numero massimo di tentativi a diposizione: 5
  • soglia di superamento: 75% delle risposte corrette

Cliccando sul bottone ISCRIVITI, se l’utente non ha effettuato login viene rimandato alla relativa pagina all’interno della quale deve obbligatoriamente inserire le credenziali di accesso per potersi iscrivere all’evento,

Se già effettuato login, verrà visualizzata apposita pagina riepilogativa del corso,

  • Data: 14 luglio 2022
  • Orario: 13:00 - 18:00
  • Crediti ECM: 7,5 crediti
  • Iscrizione Evento: gratuito
  • Partecipanti: 100
  • Tipologia: FAD
  • ID ECM: 265-354567
  • Provider ECM: 265
  • Ore formative: 5

Vuoi partecipare a questo evento?

Solo gli utenti registrati al sito possono partecipare.

Accedi Registrati
image
Con il contributo educazionale non condizionante di:
Vuoi rimanere sempre aggiornato sui nostri eventi & corsi?

Iscriviti alla NEWSLETTER NADIREXECM.IT

Il nostro team

Contattaci